Galoupet ha un’origine molto antica, la casa gentilizia appariva già sulla prima carta della Francia disegnata per ordine del re Luigi XIV.

È una delle più importanti tenute vinicole i cui vini si fregiano della Denominazione di Origine Controllata a possedere una cantina sotterranea con soffitti a volta.

Chateau-face-800x600Il suo nome, dall’armonico suono tipicamente provenzale, intriga. Si trattava forse un tempo di una stazione di posta? Galoupet deriverebbe allora da “galoper”, galoppare; a meno che la “p” non sia la trasformazione di una “b”, avremmo allora “galoubet”, il termine provenzale con cui si indica il piccolo flauto dei “tamburini”.

Superficie totale: 165 ettari

Superficie del vigneto: 72 ettari

Produzione: 2.900 hl

vigne-triangle-800x600 Lo château è situato nelle vicinanze del mare, dalle sue colline si possono ammirare la città di Hyères les Palmiers, il forte di Brégançon e l’isola di Porquerolles.

Nel cuore di una tenuta di centosessantacinque ettari, la casa gentilizia è incorniciata da una lussureggiante flora mediterranea composta da palme, limoni, aranci ed eucalipti.

Il vigneto affacciato sul mare si estende per settantadue ettari su un terreno metamorfico. È costituito da vigne con un’età media di venticinque anni e vanta un ricco e variato assortimento di vitigni: Grenache, Mourvèdre, Cinsault, Syrah, Tibouren, Rolle, Sémillon, Chardonnay, Cabernet, Calladoc, Carignan.

La vinificazione, l’invecchiamento e l’imbottigliamento hanno luogo in una grande cantina composta da un unico edificio, equipaggiata con le attrezzature più moderne.